60 milioni di Euro ai GAL della Regione Marche per lo sviluppo delle aree rurali

L’approccio Leader viene realizzato attraverso la costituzione di Gruppi di azione locale (GAL) che hanno il compito di elaborare e realizzare la strategia di sviluppo rurale definita nel Programma di sviluppo rurale (PSR) Marche 2014-2020, condivisa con il territorio e definita nei Piani di sviluppo locale (Psl).

In particolare, nella regione Marche lo sviluppo locale di tipo partecipativo è finanziato solo dal Fondo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr). Sebbene ai Psl siano assegnati solo risorse finanziarie del Feasr, i Gal che effettuano interventi di sviluppo rurale complementari a quelli del Psl possono canalizzare sui loro progetti sia finanziamenti di altri Fondi strutturali e di investimento europei (Sie), come il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) e il Fondo sociale europeo (Fse) sia finanziamenti nazionali (statali, regionali, ecc.). Per i territori che rientrano anche nell’elenco delle aree interne della Regione, i Gal posso tenere conto di quanto previsto nell’Accordo di programma quadro (Apq).

Il PSR finanzia in queste zone progetti che riguardano la cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune, condividere impianti e risorse e sviluppare la commercializzazione del turismo (sottomisura 16.3) e sostiene lo sviluppo locale con contributi alle diverse fasi di progettazione:

  • fase preparatoria (sottomisura 19.1)
  • esecuzione degli interventi (sottomisura 19.2)
  • preparazione e realizzazione delle attività di cooperazione (sottomisura 19.3)
  • gestione operativa e azioni di animazione per l’attuazione dei piani di sviluppo locale (Psl) (sottomisura 19.4)

Gruppi di azione locale (Gal)

I Gruppi di azione locale (Gal) sono raggruppamenti costituiti da enti pubblici (comuni, province e comunità montane), in rappresentanza delle popolazioni rurali, e operatori economici privati che agiscono nel territorio di appartenenza. I Gal, per accedere agli aiuti del Programma di sviluppo rurale (PSR), predispongono una strategia di sviluppo locale che viene poi concretizzata attraverso il Piano di sviluppo locale (Psl).

Nell’elaborazione della programmazione, i Gal adottano un approccio partecipativo dal basso (bottom-up), che, in altri termini, coinvolge i beneficiari potenziali delle operazioni da realizzare nell’ambito del PSR. In tal senso, i Gal sono organi centrali per la creazione di opportunità di crescita sociale ed economica dei territori, in quanto sostengono lo sforzo delle comunità locali nel tracciare percorsi di sviluppo vicini alle esigenze specifiche del territorio.

L’Asse IV del PSR Marche, attraverso l’attivazione dei PSL – Piani di Sviluppo Locale elaborati e gestiti dai GAL (Gruppo di Azione Locale), si propone di conseguire i seguenti obiettivi:
– favorire la gestione di una strategia di sviluppo locale, tramite una più fattiva partecipazione delle collettività rurali;
– stimolare la capacità locale di occupazione e diversificazione attraverso la promozione di percorsi di sviluppo endogeno;
– rafforzare la capacità dei partenariati locali tramite il concorso delle componenti pubbliche, private e civili di un determinato territorio che in maniera progressiva sviluppano la consapevolezza e la capacità di lavorare compiutamente verso obiettivi comuni;
– sviluppare reti collaborative tra varie realtà economiche incentrate sull’innovazione e sull’attenzione ai mutamenti culturali e sociali della comunità locale.

Questi i territori dei 6 Gruppi di Azione Locale (GAL) Leader della Regione Marche per il periodo di programmazione 2014-20:

  1. Gal SibillaComuni aderentiAcquacanina, Appignano, Belforte del Chienti, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Colmurano,  Corridonia, Esanatoglia, Fiastra, Fiuminata, Gagliole, Gualdo,  Loro Piceno, Mogliano, Monte Cavallo, Montecassiano, Montefano, Monte San Martino, Muccia, Penna San Giovanni, Petriolo, Pieve Torina, Pioraco, Pollenza, Ripe San Ginesio, San Ginesio, San Severino Marche, Sant’Angelo in Pontano, Sarnano, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Tolentino, Treia, Urbisaglia, Ussita, Valfornace, Visso.
  2. Gal Fermano, Comuni aderenti: Altidona, Amandola, Belmonte Piceno, Campofilone, Falerone, Fermo, Francavilla D’Ete, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte Rinaldo, Monte Vidon Combatte, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montegiorgio, Monteleone di Fermo, Montelparo, Montottone, Moresco, Ortezzano, Petritoli, Ponzano di Fermo, Rapagnano, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano, Smerillo, Torre San Patrizio.
  3. Gal Piceno. Comuni aderenti: Acquasanta Terme, Acquaviva Picena, Appignano del Tronto, Arquata del Tronto, Carassai, Castignano, Castorano, Comunanza, Cossignano, Cupramarittima, Force, Massignano, Montalto delle Marche, Montedinove, Montefiore dell’Aso, Montegallo, Montemonaco, Offida, Palmiano, Ripatransone, Roccafluvione, Rotella e Venarotta.
  4. Gal Montefeltro SviluppoComuni aderenti: Cagli, Acqualagna, Apecchio, Cantiano, Piobbico, Urbania, Borgo Pace, Fermignano, Mercatello sul Metauro, Montecalvo in Foglia, Peglio, Petriano, Sant’Angelo in Vado, Urbania, Urbino, Carpegna, Auditore, Belforte all’Isauro, Frontino, Lunano, Macerata Feltria, Mercatino Conca, Monte Cerignone, Montecopiolo, Montegrimano, Piandimeleto, Pietrarubbia, Sassocorvaro, Sassofeltrio, Tavoleto, Novafeltria, Casteldelci, Maiolo, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria, Talamello.
  5. Gal Colli Esini – San Vicino, Comuni aderenti: Castelleone di Suasa, Ostra Vetere, Ostra, Barbara, Belvedere Ostrense, Arcevia, Serra de’ Conti, Montecarotto, San Marcello, Poggio San Marcello,  Castelplanio, Rosora, Mergo, Maiolati Spontini, Castelbellino, Monte Roberto, Sassoferrato, Genga, Serra San Quirico, Cupramontana, San Paolo di Jesi, Staffolo, Santa Maria Nuova, Filottrano, Fabriano, Cerreto d’Esi, Poggio San Vicino, Apiro, Cingoli, Matelica.
  6. Gal Flaminia Cesano, Comuni aderenti: Provincia di Pesaro Urbino: Pergola, Serra Sant’Abbondio, Frontone, Fratte Rosa, San Lorenzo in Campo, Fossombrone, Montefelcino, Serrungarina, Saltara, Piagge, San Giorgio di Pesaro, Montemaggiore al Metauro, Sant’Ippolito, Orciano di Pesaro, Mondavio, Barchi, Monteciccardo, Mombaroccio, San Costanzo, Monte Porzio; Provincia di Ancona: Trecastelli e Corinaldo.

Risorse disponibili:

La dotazione finanziaria complessiva assegnata ai GAL per l’attuazione dell’approccio Leader ammonta a 60,56 milioni di Euro così ripartiti:

  • Misura 19.1.; Sostegno preparatorio, 0,30 Milioni;
  • Misura 19.2.; Supporto per gli interventi della strategia CLLD, 49,80 Milioni;
  • Misura 19.3.; Preparazione e attuazione della cooperazione, 2,00 Milioni;
  • Misura 19.3.; Gestione ed animazione, 8,46 Milioni.

La dotazione potrà poi essere integrata coi fondi aggiuntivi del Fondo di solidarietà interregionale per il sisma 2016/17, dopo l’approvazione comunitaria delle modifiche al PSR proposto dalla Regione Marche, per adottare una nuova strategia CLLD finalizzata a sviluppare prevalentemente azioni ispirate alla soluzione/attenuazione delle criticità provocate dal sisma 2016/2017 nelle aree rurali del cratere che le racchiude.  

Per informazioni e consulenza

LE NOSTRE PUBBLICAZIONI.

Per maggiori informazioni ed approfondimenti su tutte le agevolazioni europee,nazionali e regionali per l’agricoltura consultate la nostra guida I fondi europei nazionali e regionali per l’agricoltura e l’agroalimentare. Guida pratica per conoscere ed utilizzare le agevolazioni e i finanziamenti per lo sviluppo del settore primario”, che puoi acquistare qui o in tutte le librerie ed online.

Fideas Srl © 2017. Tutti i diritti riservati. Partita IVA 01151630447 • Privacy Policy