I bandi del fondo complementare PNRR per le imprese in area sisma centro Italia

**Info aggiornate al 12.09.2022**

Il Piano Nazionale Complementare (PNC) al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) prevede un programma per il rilancio economico e sociale delle regioni delle aree sisma del Centro Italia colpite dai terremoti del 2009 (L’Aquila) e del 2016 (Centro Italia: Marche, Abruzzo, Umbria e Lazio), con uno stanziamento di 1,8 miliardi di euro.

L’ambito di azione è quello della Macro-misura B “Rilancio economico e sociale” del Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC) al PNRR. L’obiettivo principale è il rafforzamento del tessuto sociale ed economico territoriale, promuovendo l’innovazione, supportando le produzioni di eccellenza, il sistema dei servizi, i distretti locali e sostenendo l’incremento occupazionale, con uno stanziamento di circa 700 milioni di euro, di cui il 67% al sisma 2016 ed il 62% alle Marche, le cui imprese possono così contare su circa 300 milioni di euro.

I bandi/incentivi, gestiti da Invitalia, sono

  • Investimenti di grande dimensione – B1.1
  • Investimenti di media dimensione – B1.2
  • Avvio, crescita e rientro di microimprese – B1.3a
  • Investimenti innovativi delle PMI – B1.3b
  • Avvio, crescita e rientro delle PMI – B1.3c
  • Sostegno alla costituzione di associazioni agro-silvo-pastorali – B3.1
  • Economia circolare e filiere agroalimentari – B3.2
  • Ciclo delle macerie – B3.3

I bandi/incentivi, gestiti da Unioncamere, sono

  • Sostegno a Cultura turismo sport – B2.1
  • Partenariato per la valorizzazione del patrimonio pubblico – B2.2
  • Inclusione sociale, cooperazione e terzo settore – B2.3

SCADENZE.

Il bando relativo ai Contratti di sviluppo per grandi investimenti delle imprese (B1.1) è aperto dal 1° al 30 settembre (procedura a sportello).

I bandi relativi a Investimenti medie dimensioni (B1.2) e Ciclo delle Macerie (B3.3) sono aperto dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 (procedura a sportello).

Il bando per le iniziative di partenariato per la valorizzazione del patrimonio pubblico (B2.2), sarà aperto dal 30 settembre al 31 ottobre 2022 (procedura a graduatoria).

Il bando per Inclusione sociale, cooperazione e terzo settore (B2.3) sarà aperto dal 15 settembre al 31 ottobre 2022 (procedura a graduatoria).

Per tutte le altre misure (escluse B1.1, B1.2, B2.2, B2.3 e B3.3) le domande potranno essere presentate a partire dal 15 settembre e fino al 14 ottobre 2022 dalle imprese danneggiate dal sisma (procedura a sportello) e fino al 31 ottobre 2022 dalle altre (procedura a graduatoria).

La misura Sostegno alla costituzione di associazioni agrosilvopastorali (B3.1) non è ancora attiva.

Riportiamo qui di seguito la sintesi degli interventi rivolti alle imprese.

Linea/bando Beneficiari Investimenti agevolabili Agevolazioni
Misura B1.1

CONTRATTI DI SVILUPPO PER INVESTIMENTI DI GRANDE DIMENSIONE

Disponibilità: 80 milioni

SCADENZA: 

  • dal 1° al 30 settembre (procedura a sportello)
Imprese di qualsiasi dimensione, anche ricorrendo allo strumento del Contratto di Rete

per programmi di sviluppo industriale, per la tutela ambientale e di attività turistiche e culturali

Spese ammissibili: suolo aziendale e sue sistemazioni opere murarie e assimilate infrastrutture specifiche aziendali macchinari, impianti e attrezzature varie programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate consulenze (solo PMI) Fino al 75% di agevolazione, di cui:

  • max 45% fondo perduto
  • max 50% mutuo agevolato 10 anni

su investimenti di oltre 20.000.000 euro

(7.500.000 euro per attività di trasformazione di prodotti agricoli e per attività turistiche)

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 

 

Misura B1.2

INVESTIMENTI DI MEDIE DIMENSIONI

Disponibilità: 100 milioni

 

SCADENZA:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 (procedura a sportello) 

 

Imprese di qualsiasi tipologia e dimensione che promuovono il programma e/o le eventuali altre imprese del Contratto di rete

(per investimenti superiori a 5Meuro con almeno 3 bilanci depositati)

per Investimento produttivo a carattere industriale, turistico e di trasformazione di prodotti agroalimentari e i programmi di tutela ambientale

 

Spese ammissibili: Suolo aziendale e sue sistemazioni (max 10%); Opere murarie e assimilate e infrastrutture specifiche aziendali, ivi compreso l’acquisto di strutture dismesse (fabbricati e capannoni) (max 40-70%); Macchinari, impianti e attrezzature varie; Programmi informatici e servizi TIC, ivi comprese le tecnologie digitali quali IA, blockchain e IoT; Immobilizzazioni immateriali (brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate); Consulenze (per le sole PMI. Max 5%).

Progetti di Ricerca e Sviluppo  complementari a progetti di almeno 4 Meuro (personale, ammortamenti, consulenze).

 

 

Fino al 75% di agevolazione, di cui:

  • max 70% fondo perduto
  • max 50% mutuo agevolato 10 anni

su investimenti da 1.500.000 a 20.000.000 euro

(se in rete minimo 300.000 euro ad impresa)

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 

Misura B1.3A

INTERVENTI PER LA NASCITA, LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI INIZIATIVE MICRO-IMPRENDITORIALI E PER L’ATTRAZIONE E IL RIENTRO DI IMPRENDITORI DELOCALIZZATI

Disponibilità; 100 Milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • fino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
Micro e piccole imprese e liberi professionisti per programmi di investimento da realizzare nei settori: produzione manifatturiera, trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi, attività turistiche  e sportive, e commercio di prossimità centri < 10.000 abitanti, e-commerce. Spese ammissibili:

a) opere murarie e assimilate (max 50% del totale);

b) macchinari, impianti, attrezzature e strumenti nuovi di fabbrica (inclusi prefabbricati e mezzi di trasporto necessari ed esclusivi);

c) programmi informatici e servizi per le nuove tecnologie;

d) brevetti, licenze ed immobilizzazioni immateriali;

e) consulenze specialistiche e spese di costituzione (max 20% del totale); f) altre spese immateriali (max 5% del totale)

 

Imprese costituite da non più di 12 mesi o da costituire (AVVIO): Contributo a fondo perduto fino al 90%

su investimenti da 40.000 a 250.000 euro

 

Imprese costituite da oltre 12 mesi (SVILUPPO): Contributo a fondo perduto fino al 60%

su investimenti da 40.000 a 400.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

Misura B1.3B

Investimenti innovativi delle PMI 

VOUCHER INNOVAZIONE DIFFUSA

Disponibilità: 8 milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • fino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
Piccole e Medie Imprese

per

voucher

innovazione diffusa

Voucher innovazione diffusa: acquisizione di servizi di consulenza specialistica erogati da manager qualificati ovvero da società di consulenza per la definizione di un percorso di innovazione diretto all’introduzione nell’impresa di innovazioni di prodotto, processo o servizio e al supporto dei processi di ammodernamento degli assetti gestionali e di crescita digitale e organizzativa. Contributo a fondo perduto pari all’80%

nel limite dei seguenti massimali:

a) 30.000 euro per le microimprese;

b) 40.000 euro per le piccole imprese;

c) 50.000 euro per le medie imprese

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

Misura B1.3B

Investimenti innovativi delle PMI

SOSTEGNO AI PROGETTI DI INNOVAZIONE

Disponibilità: 50 milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • fino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
Piccole e Medie Imprese

(anche contratto rete max 5 Pmi) per sostegno ai progetti di innovazione finalizzati ad introdurre nuovi prodotti, processi o nuovi modelli organizzativi ovvero al notevole miglioramento di prodotti, processi o modelli organizzativi esistenti.

Progetti di innovazione (anche aggregazioni di max 5 PMI):

Spese ammissibili: a) le spese di personale; b) strumentazione e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto; c) la ricerca contrattuale, le competenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato; d) servizi di consulenza e sostegno all’innovazione; e) le spese generali con i seguenti limiti: 1) 25% delle spese complessive ammissibili per le microimprese; 2) 20% delle spese complessive ammissibili per le piccole imprese; 3) 15% delle spese complessive ammissibili per le medie imprese

Contributo a fondo perduto

  • fino al 50%
  • fino al 45% qualora di tratti di investimenti funzionali alla realizzazione o ampliamento di uno stabilimento, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente

su investimenti da 250.000 a 2.500.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

Misura B1.3C

Avvio, riavvio, consolidamento e rientro delle PMI 

SOSTEGNO ALLE IMPRESE COSTITUITE DA NON PIÙ DI 60 MESI

Disponibilità: 20 milioni

SOSTEGNO ALLE IMPRESE COSTITUITE DA OLTRE 60 MESI

Disponibilità: 20 milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • fino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
Piccole e Medie Imprese

nei settori

a) Produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli; b) Fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

c) commercio di prossimità centri < 10.000 abitanti, e-commerce

 

Spese ammissibili:

a) Opere murarie e assimilate fino al 50% investimento ammesso;

b) Macchinari, Impianti e attrezzature;

c) Programmi informatici, servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione;

d) Brevetti, Licenze e Marchi;

e) Consulenze specialistiche fino al 15% investimento ammissibile;

f) Oneri connessi alla stipula contratto di finanziamento (ad esempio spese notarili) e per la costituzione della società;

Imprese costituite dal meno di 60 mesi o da costituire (AVVIO):  fino al 90% di agevolazioni di cui:

  • fino al 50% a fondo perduto e
  • ed il resto mutuo a tasso zero della durata di 8 anni

su investimenti da 400.000,00 a 1.500.000 euro

imprese costituite da oltre 60 mesi (CONSOLIDAMENTO): fino sll’ 80% di agevolazioni di cui:

  • fino al 45% a fondo perduto e
  • il resto  mutuo a tasso zero della durata di 8 anni

su investimenti da 400.000,00 a 2.500.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

Misura B2.1

SVILUPPO DELLE IMPRESE CULTURALI, CREATIVE, TURISTICHE, SPORTIVE, ANCHE DEL TERZO SETTORE

 Disponibilità: 60 milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • ino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
 

Piccole e Medie Imprese, incluse le reti di impresa, le imprese sociali, le società e le associazioni sportive dilettantistiche, Enti religiosi Civilmente Riconosciuti, che operano nei settori creativo, culturale, turistico (incluso agriturismo) e sportivo.

 

 

 

Spese ammissibili: Opere murarie fino a 60% investimento ammesso, Acquisto terreni (fino 10%) e immobili (fino 50%),

Immobilizzazioni materiali e immateriali ammortizzabili,

Programmi informatici, servizi TIC, big data ed altri contenuti digitali, Brevetti, Licenze e Marchi, Consulenze tecniche connesse alla realizzazione dell’investimento (fino 10%);

Spese avviamento, spese tecniche e consulenze specialistiche, tutor, circolante, formazione (in regime de minimis).

 

Imprese costituite dal meno di 60 mesi (AVVIO): Contributo a fondo perduto fino all’80%

su investimenti da 200.000 a 800.000 euro

 

Imprese costituite da oltre 60 mesi (CONSOLIDAMENTO): Contributo a fondo perduto fino al 50%

su investimenti da 300.000 a 1.500.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 

Misura B2.2

ACCORDI E PARTENARIATI SPECIALI PUBBLICO-PRIVATO PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE, AMBIENTALE E PUBBLICO

Disponibilità: 80 milioni

SCADENZA:

  • 31 ottobre 2022 (procedura a graduatoria)
Enti locali (comuni, province, comunità montane, unioni montane e unioni di comuni), in forma singola o aggregata, e gli altri pubblici (Parchi Nazionali e Regionali, Università pubbliche, ecc.), con sede nei territori interessati.

Il numero massimo di candidature/progetti presentabili è 4 di cui 2 come capofila, per i comuni, 1 solo, per tutti gli altri enti.

I progetti, che si devono caratterizzare per creatività e originalità della proposta, dovranno promuovere la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile delle risorse del territorio, la rivitalizzazione sociale ed economica, il rilancio occupazionale, il contrasto dello spopolamento e contribuire a conseguire i seguenti risultati:

–        miglioramento dell’attrattività, turistica e residenziale, e della qualità di vita del territorio interessato;

–        sostenibilità economico-finanziario nel tempo delle attività e dei servizi previsti.

 

Contributo a fondo perduto 100%

su investimenti da 200.000 a 2.500.000 euro

(3.5 milioni per beni culturali sottoposti a vincolo e per il riutilizzo di edifici scolastici siti nei centri storici).

Misura B2.3

 

INCLUSIONE E INNOVAZIONE SOCIALE ED IL RILANCIO ABITATIVO, RIVOLTI AD IMPRESE SOCIALI, TERZO SETTORE E COOPERATIVE DI COMUNITÀ

 

Disponibilità: 40 milioni

 

SCADENZA:

  • 31 ottobre 2022 (procedura a graduatoria)
Enti del Terzo Settore (ETS), cooperative di comunità; SIAVS; organizzazioni di volontariato (ODV); associazioni di promozione sociale (APS); enti filantropici; imprese sociali, incluse le cooperative sociali; reti associative; associazioni riconosciute dotate di personalità giuridica; fondazioni e gli altri enti di carattere privato; Enti non commerciali e ONLUS; Agenzie per il lavoro ed Enti Formativi autorizzati/accreditati per orientamento e accompagnamento; Imprese sociali che svolgono attività agricole finalizzate all’inclusione sociale; Enti religiosi civilmente riconosciuti (dimensione PMI) I programmi di investimento relativi a: a) servizi alla comunità e alla persona; b) servizi per l’orientamento, l’occupabilità e l’inserimento lavorativo; c) servizi di manutenzione, salvaguardia, recupero e valorizzazione dell’ambiente, del territorio e dei beni storico-culturali; d) creazione/allestimento di spazi per lo smart/co working, e di iniziative di contrasto alla povertà educativa; e) recupero e valorizzazione civica e socio-imprenditoriale di beni pubblici e/o di strutture/spazi dismessi; f) avvio/consolidamento di attività economiche “social impact”; g) servizi e attività complementari e/o integrati con le iniziative finanziabili nell’ambito della misura b2.2

Spese ammissibili: suolo aziendale e sue sistemazioni (max 10%); fabbricati, opere edili/murarie (max 50%); impianti, macchinari e attrezzature, inclusi gli arredi ed i mezzi di trasporto; programmi informatici servizi TIC; brevetti, licenze e marchi; formazione specialistica dei soci e degli addetti dell’organizzazione beneficiaria dell’aiuto; consulenze tecniche (max 15%); Spese avviamento (max 20.000 euro)

 

Enti ed imprese costituiti da meno di 60 mesi (AVVIO):

Contributo a fondo perduto fino all’80%

su investimenti da 100.000 a 500.000 euro

 

Enti ed imprese costituito da oltre 60 mesi (CONSOLIDAMENTO):

Contributo a fondo perduto fino al 50%

su investimenti da 100.000 a 2.000.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 

.

Misura B3.1

COSTITUZIONE DI FORME ASSOCIATIVE PER GESTIONE AREE AGRO-SILVO-PASTORALI

Disponibilità: 3 milioni

MISURA NON ANCORA ATTIVA

Forme aggregative di soggetti pubblici, privati o collettivi, proprietari o gestori di superfici agro-silvo-pastorali con superficie minima agricola/boschiva, pascoliva di almeno 30 ettari. Programmi volti alla realizzazione di: a) Animazione territoriale b) Costituzione e prima gestione di forme aggregative tra proprietari o gestori di proprietà agro-silvo-pastorali, c) Redazione, aggiornamento, adeguamento di piani di gestione delle superfici agro-silvo-pastorali

 

Contributo a fondo perduto fino 100%

 

 

Misura B3.2

REALIZZAZIONE DI PIATTAFORME DI TRASFORMAZIONE TECNOLOGICA PER ECONOMIA CIRCOLARE E FILIERE AGROALIMENTARI

Disponibilità: 47 milioni

SCADENZE:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 imprese danneggiate dal sisma** (procedura a sportello)
  • fino al 31 ottobre 2022 altre imprese (procedura a graduatoria).
Consorzi o Reti di imprese agricole ed extra-agricole già costituite, che localizzano il loro progetto di investimento all’interno dei Comuni dei crateri titolari o possessori delle superfici oggetto della proposta progettuale Programmi di investimento, composti da minimo 3 ad un massimo di 6 progetti (uno per impresa appartenente al Consorzio/Rete), ricadenti nell’ambito della a) trasformazione e commercializzazione dei prodotti della selvicoltura, dell’allevamento e dell’agricoltura e b) logistica e trasporto dei suddetti prodotti

Spese ammissibili: suolo aziendale e sue sistemazioni (max 10%); acquisto di beni immobili e/o opere murarie e assimilate (max 50%); macchinari, impianti e attrezzature (incluse strutture mobili e mezzi di trasporto); programmi informatici, brevetti, licenze, marchi commerciali; consulenze specialistiche.

Fino al 75% di agevolazioni di cui:

  • fino al 65% a fondo perduto e
  • fino al 30% mutuo a tasso zero della durata di 10 anni, di cui 2 di preammortamento

su investimenti da 300.000 a 5.000.000 euro

 

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 Misura B3.3

CICLO DELLE MACERIE

Disponibilità: 10 milioni

 

SCADENZA:

  • dal 15 settembre al 14 ottobre 2022 (procedura a sportello) 

 

Imprese di qualsiasi tipologia e dimensione, che promuovono il programma e/o le eventuali altre imprese del Contratto di rete. Programmi di investimento (a carattere industriale, di tutela ambientale e in misura complementare, di R&S) per il recupero e riciclaggio di materiali edili provenienti principalmente dalle opere di demolizione degli edifici ubicati nelle aree del cratere con

Spese ammissibili: suolo aziendale e sue sistemazioni opere murarie e assimilate infrastrutture specifiche aziendali macchinari, impianti e attrezzature varie programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate consulenze (solo PMI)

Fino al 75% di agevolazioni di cui:

  • max 45% fondo perduto e
  • mutuo agevolato 10 anni max 50%

su investimenti da 200.000 a 3.000.000 euro

GBER / De minimis / Quadro temporaneo Ucraina*

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(*) Il Temporary Framework (TF) Ucraina (80% fino a massimo 500.000 euro di contributo a fondo perduto) è applicabile ai soli progetti di sviluppo i cui proponenti  attestino, mediante apposita dichiarazione, di essere stati colpiti dagli eventi considerati nella  Comunicazione della Commissione europea Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina 2022/C 131 I/01, ad esempio in termini di maggiori costi energetici, difficoltà negli approvvigionamenti, aumento del costo delle materie prime e riduzione delle vendite.

(**)  Tutti i bandi a sportello danno priorità nell’assegnazione delle risorse (in ordine cronologico di presentazione) alle “impresa danneggiata dal sisma”, ossia ciascuna impresa o operatore economico, iscritto a registri, albi o elenchi, che esercitava un’attività economica alla data del sisma del 2009 e del 2016, rispettivamente, nei comuni di cui alla legge 24 giugno 2009, n.77, nonché di cui agli allegati 1, 2 e 2bis dell’art. 1 del decreto legge 189/2016, che ricada in una delle seguenti situazioni:

a) risulti in possesso di una scheda Aedes o Fast di rilevazione del danno alla sede produttiva, anche non principale, con esito di inagibilità o inutilizzabilità ovvero

b) abbia subito una riduzione del fatturato di almeno il 30% nel triennio successivo alla data del sisma rispetto alla media del triennio precedente.

SCHEDE IN AGGIORNAMENTO:  Tornate su questa pagina per ulteriori aggiornamenti e scadenze.

ELENCO DEI COMUNI DEL CRATERE SISMICO 2016 AGOSTO COSÌ COME INDIVIDUATI NEGLI ALLEGATI 1, 2 E 2BIS DEL DL 189/2016:

Regione Abruzzo
Barete (AQ); Cagnano Amiterno (AQ); Campli (TE); Campotosto (AQ); Capitignano (AQ); Castelcastagna (TE); Castelli (TE); Civitella del Tronto (TE); Colledara (TE); Cortino (TE) Crognaleto (TE); Fano Adriano (TE); Farindola (PE); Isola del Gran Sasso (TE); Montereale (AQ); Montorio al Vomano (TE); Pietracamela (TE); Pizzoli (AQ); Rocca Santa Maria (TE); Teramo (TE); Torricella Sicura (TE); Tossicia (TE); Valle Castellana (TE).

Regione Lazio
Accumoli (RI); Amatrice (RI); Antrodoco (RI); Borbona (RI); Borgo Velino (RI); Cantalice (RI); Castel Sant’Angelo (RI); Cittaducale (RI); Cittareale (RI); Leonessa (RI); Micigliano (RI); Poggio Bustone (RI); Posta (RI); Rieti (RI); Rivodutri (RI).

Regione Marche
Acquacanina (MC); Acquasanta Terme (AP); Amandola (FM); Apiro (MC); Appignano del Tronto (AP); Arquata del Tronto (AP); Ascoli Piceno (AP); Belforte del Chienti (MC); Belmonte Piceno  (FM); Bolognola (MC); Caldarola (MC); Camerino (MC); Camporotondo di Fiastrone (MC); Castel di Lama (AP); Castelraimondo (MC); Castelsantangelo sul Nera (MC); Castignano (AP); Castorano (AP); Cerreto d’Esi (AN); Cessapalombo (MC); Cingoli (MC); Colli del Tronto (AP); Colmurano (MC); Comunanza (AP); Corridonia (MC); Cossignano (AP); Esanatoglia (MC); Fabriano (AN); Falerone (FM); Fiastra (MC); Fiordimonte (MC); Fiuminata (MC); Folignano (AP); Force (AP); Gagliole (MC); Gualdo (MC); Loro Piceno (MC); Macerata (MC); Maltignano (AP); Massa Fermana (FM); Matelica (MC); Mogliano (MC); Monsapietro Morico (FM); Montalto delle Marche (AP); Montappone (FM); Monte Rinaldo (FM); Monte San Martino (MC); Monte Vidon Corrado (FM); Montecavallo (MC); Montedinove (AP); Montefalcone Appennino (FM); Montefortino (FM); Montegallo (AP); Montegiorgio (FM); Monteleone (FM); Montelparo (FM); Montemonaco (AP); Muccia (MC); Offida    (AP); Ortezzano (FM); Palmiano (AP); Penna San Giovanni (MC); Petriolo (MC); Pieve Torina (MC); Pievebovigliana (MC); Pioraco (MC); Poggio San Vicino (MC); Pollenza (MC); Ripe San Ginesio (MC); Roccafluvione (AP); Rotella (AP); San Ginesio (MC); San Severino Marche (MC); Santa Vittoria in Matenano (FM); Sant’Angelo in Pontano    (MC); Sarnano (MC); Sefro (MC); Serrapetrona (MC); Serravalle del Chienti (MC); Servigliano (FM); Smerillo (FM); Tolentino (MC); Treia (MC); Urbisaglia (MC); Ussita (MC); Venarotta (AP); Visso (MC).

Regione Umbria
Arrone (TR); Cascia (PG); Cerreto di Spoleto (PG); Ferentillo (TR); Montefranco (TR); Monteleone di Spoleto (PG); Norcia (PG); Poggiodomo (PG); Polino (TR); Preci (PG); Sant’Anatolia di Narco (PG); Scheggino (PG); Sellano (PG); Spoleto (PG); Vallo di Nera (PG).

 

I Comuni maggiormente colpiti dagli eventi sismici del 2016 (di cui all’articolo 1 dell’Ordinanza n. 101 del 30 aprile 2020 del Commissario straordinario del Governo ai fini della ricostruzione) sono i seguenti:
– Abruzzo: Campotosto, Capitignano, Valle Castellana, Cortino, Montereale, Torricella Sicura;
– Lazio: Amatrice, Accumoli, Leonessa, Cittareale, Posta, Borbona;
– Marche: Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gagliole, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, Pioraco, San Ginesio, San Severino Marche, Sarnano, Serrapetrona, Tolentino, Valfornace, Visso, Ussita, Amandola, Montefortino, Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Force, Montemonaco, Montegallo; 
– Umbria: Norcia, Cascia, Preci.

(***) L’elenco dei comuni nelle zone assistite della Carta degli aiuti di stato a finalità regionale ai sensi dell’art. 107.3.c TFUE è reperibile a questo link del sito FIDEAS.

Per avere maggiori informazioni e consulenza rivolgersi a:

 

SMARTEAM Società Cooperativa

Via Calatafimi 44

63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP)

E-mail: info@smarteam.net

Tel. 351/8920860

FACEBOOK: Smarteam

WEB: www.smarteam.net

FIDEAS SRL

Borgo Cappuccini 3

63073 OFFIDA (AP)

E-mail: fideas@fideas.it

Tel. 0736/880843

Informazione bandi Canale TELEGRAM: t.me/fideas – FACEBOOK: FideasSrlOffida

WEB: www.fideas.it

Per avere un quadro completo sui fondi europei consigliamo il manuale

Guida operativa per conoscere ed utilizzare i fondi europei 2021-2027.
Con contenuti scaricabili e aggiornamenti online

Reperibile presso EPC (dove puoi scaricare un estratto) ed in tutte le librerie.

 

Fideas Srl © 2017. Tutti i diritti riservati. Partita IVA 01151630447 • Privacy Policy