Sisma Centro Italia: Credito d’imposta fino 45% su investimenti entro il 31 dicembre 2020

CREDITO D’IMPOSTA INVESTIMENTI IN AREA SISMA CENTRO ITALIA 2018-20

SOGGETTI E SETTORI DI ATTIVITA’ AMMISSIBILI

Sono agevolabili le imprese di qualsiasi dimensione operante in tutti i settori economici (tranne quelli esclusi).

Settori esclusi: nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche e nei settori creditizio, finanziario ed assicurativo nonché nei settori dell’agricoltura e della pesca e acquacoltura.

AREA AGEVOLATA

Gli investimenti debbono essere realizzati in strutture produttive ubicate nei comuni delle Regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24 agosto 2016 (140 comuni). art 18-quater, DL 9 febbraio 2017, n. 8 e art. 1, commi 98 – 108 legge 208/2015.

INVESTINENTI AGEVOLABILI

Il credito d’imposta compete in relazione agli investimenti (impianti, macchinari ed attrezzature nuovi di fabbrica), avviati e realizzati (anche in laesing) nell’area sisma centro Italia a decorrere dal 7 aprile 2018 (data successiva ad autorizzazione del regime di aiuti da parte della Commissione europea) e fino al 31 dicembre 2020, connessi ad un progetto di investimento iniziale.

  1. creazione di un nuovo stabilimento,
  2. oppure nel caso di stabilimento già esistente:
  • ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente,
  • diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente, diversificazione di uno stabilimento esistente (il valore complessivo dell’investimento è superiore al 200% del valore contabile degli attivi che vengono riutilizzati, registrato nell’esercizio finanziario precedente l’avvio dei lavori);
  • cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di uno stabilimento esistente (il valore complessivo dell’investimento è superiore alla somma degli ammortamenti degli attivi relativi all’attività da modernizzare registrati durante i tre esercizi finanziari precedenti l’avvio dei lavori;
  • riattivazione di uno stabilimento chiuso o che sarebbe stato chiuso qualora non fosse stato acquisito.

3. una nuova attività economica. solo per le grandi imprese localizzate nelle aree di cui all’art. 107, par. 3, lett. c).

Sono altresì agevolabili:

  • i beni acquisiti mediante locazione finanziaria (con obbligo di riscatto finale),
  • i beni che vengono esposto in show room ed utilizzato esclusivamente dal rivenditore al solo scopo dimostrativo,
  • i beni da acquistati da terzi per la realizzazione degli stessi in economia o mediante contratto di appalto.

Sono esclusi dall’agevolazione gli investimenti di mera sostituzione, i beni autonomamente destinati alla vendita (cd. beni merce), come pure quelli trasformati o assemblati per l’ottenimento di prodotti destinati alla vendita. i materiali di consumo e gli investimenti in beni a qualunque titolo già utilizzati (usato).

I beni agevolati debbono comunque essere destinati a strutture produttive situate nel territorio delle aree agevolate.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni, i programmi di investimento devono essere avviati dal 6 aprile 2018. Per avvio dell’investimento si intende la data del primo impegno giuridicamente vincolante ad ordinare i beni oggetto di investimento, ovvero qualsiasi altro impegno che renda irreversibile l’investimento stesso, a seconda di quale condizione si verifichi prima.

AGEVOLAZIONE

Il credito d’imposta è commisurato al costo complessivo dei beni acquisiti  per ciascun progetto entro i seguenti limiti:

 

Limite massimo investimento

Misura del credito d’imposta

Micro e piccole imprese

3 milioni di euro

45%

Medie Imprese

10 milioni di euro

35%

Grandi Imprese 15 milioni di euro

25%

Alle imprese attive nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, nel settore della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotto agricoli, della pesca e dell’acquacoltura sono concessi nei limiti e alle condizioni previste dalla normativa europea in materia di aiuti di Stato.

TERMINI E SCADENZA

Dal 25 settembre 2019 fino al 31 dicembre 2020.

Territori agevolabili

Regione Abruzzo
Barete (AQ); Cagnano Amiterno (AQ); Campli (TE); Campotosto (AQ); Capitignano (AQ); Castelcastagna (TE); Castelli (TE); Civitella del Tronto (TE); Colledara (TE); Cortino (TE) Crognaleto (TE); Fano Adriano (TE); Farindola (PE); Isola del Gran Sasso (TE); Montereale (AQ); Montorio al Vomano (TE); Pietracamela (TE); Pizzoli (AQ); Rocca Santa Maria (TE); Teramo (TE); Torricella Sicura (TE); Tossicia (TE); Valle Castellana (TE).

Regione Lazio
Accumoli (RI); Amatrice (RI); Antrodoco (RI); Borbona (RI); Borgo Velino (RI); Cantalice (RI); Castel Sant’Angelo (RI); Cittaducale (RI); Cittareale (RI); Leonessa (RI); Micigliano (RI); Poggio Bustone (RI); Posta (RI); Rieti (RI); Rivodutri (RI).

Regione Marche
Acquacanina (MC); Acquasanta Terme (AP); Amandola (FM); Apiro (MC); Appignano del Tronto (AP); Arquata del Tronto (AP); Ascoli Piceno (AP); Belforte del Chienti (MC); Belmonte Piceno  (FM); Bolognola (MC); Caldarola (MC); Camerino (MC); Camporotondo di Fiastrone (MC); Castel di Lama (AP); Castelraimondo (MC); Castelsantangelo sul Nera (MC); Castignano (AP); Castorano (AP); Cerreto d’Esi (AN); Cessapalombo (MC); Cingoli (MC); Colli del Tronto (AP); Colmurano (MC); Comunanza (AP); Corridonia (MC); Cossignano (AP); Esanatoglia (MC); Fabriano (AN); Falerone (FM); Fiastra (MC); Fiordimonte (MC); Fiuminata (MC); Folignano (AP); Force (AP); Gagliole (MC); Gualdo (MC); Loro Piceno (MC); Macerata (MC); Maltignano (AP); Massa Fermana (FM); Matelica (MC); Mogliano (MC); Monsapietro Morico (FM); Montalto delle Marche (AP); Montappone (FM); Monte Rinaldo (FM); Monte San Martino (MC); Monte Vidon Corrado (FM); Montecavallo (MC); Montedinove (AP); Montefalcone Appennino (FM); Montefortino (FM); Montegallo (AP); Montegiorgio (FM); Monteleone (FM); Montelparo (FM); Montemonaco (AP); Muccia (MC); Offida    (AP); Ortezzano (FM); Palmiano (AP); Penna San Giovanni (MC); Petriolo (MC); Pieve Torina (MC); Pievebovigliana (MC); Pioraco (MC); Poggio San Vicino (MC); Pollenza (MC); Ripe San Ginesio (MC); Roccafluvione (AP); Rotella (AP); San Ginesio (MC); San Severino Marche (MC); Santa Vittoria in Matenano (FM); Sant’Angelo in Pontano    (MC); Sarnano (MC); Sefro (MC); Serrapetrona (MC); Serravalle del Chienti (MC); Servigliano (FM); Smerillo (FM); Tolentino (MC); Treia (MC); Urbisaglia (MC); Ussita (MC); Venarotta (AP); Visso (MC).

Regione Umbria
Arrone (TR); Cascia (PG); Cerreto di Spoleto (PG); Ferentillo (TR); Montefranco (TR); Monteleone di Spoleto (PG); Norcia (PG); Poggiodomo (PG); Polino (TR); Preci (PG); Sant’Anatolia di Narco (PG); Scheggino (PG); Sellano (PG); Spoleto (PG); Vallo di Nera (PG).

NOTA: i Comuni  in grassetto sono quelli ricadenti nelle aree ex art. 107, paragrafo 3, lettera c), del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE), individuate nella Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale 2014-2020 approvata dalla Commissione europea con decisione del 16 settembre 2014 (SA 38930) e successive modifiche ed integrazioni.

Per informazioni e consulenza

FIDEAS SRL

Borgo Cappuccini 3

63073 OFFIDA (AP)

Tel. 0736 880843

E-mail: fideas@fideas.it 

Facebook: FideasSrlOffida

www.fideas.it

SMARTEAM SOCIETA’ COOPERATIVA

Via Calatafimi 44

63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO 

Tel. Mobile  351 8920860

E-mail: info@smarteam.net 

Facebook: Smarteam

www.smarteam.net

Fideas Srl © 2017. Tutti i diritti riservati. Partita IVA 01151630447 • Privacy Policy