Area di crisi complessa Val Vibrata (2): gli incentivi gestiti dalla Regione Abruzzo.

Gli interventi agevolativi della Regione Abruzzo per l’area di crisi industriale complessa Val Vibrata saranno finalizzati a promuovere programmi di investimento produttivo di dimensioni inferiori a 1,5 mln€ per innovazioni di processo e di prodotto di micro e PMI del settore industriale.

La Regione Abruzzo parteciperà all’operazione di rilancio dell’area di crisi complessa con uno stanziamento di 7 milioni di euro a valere sul POR FESR 2014 – 2020 Azione 3.2.1 per investimenti e acquisti di macchinari destinati all’innovazione del processo produttivo o all’introduzione di un nuovo prodotto, nonché per migliorare la capacità di penetrazione delle imprese sul mercato attraverso nuove forme di promozione dell’azienda o la creazione di siti dedicati al commercio on line.

Area-di-Crisi-Piceno-Risorse Abruzzo.JPG

POR FESR ABRUZZO 2014-20 – Asse prioritario III: «Sviluppo occupazionale e  produttivo in aree colpite da crisi diffusa delle attività produttive».

Cosa finanzia

  1. Progetti di investimento per innovazioni di processo produttivo o di prodotto.
  2. Progetto di investimento in promozione che comportano significativi cambiamenti nella promozione dei prodotti o nelle politiche di vendita dei prodotti stessi.
  3. Compartecipazione regionale ad eventuali Contratti di Sviluppo (CdS).

Destinatari

  • Micro e PMI del settore industriale;
  • tutte le tipologie di imprese per i programmi di investimento.
  • Medie e Grandi imprese per la sottoscrizione di eventuali CdS

Agevolazioni
Le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 50% dell’investimento ammissibile con:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa

In regime de minimis.

Modalità

Gli interventi saranno attivati tramite avvisi pubblici, nell’ambito dell’operatività del POR FESR 2014-2020 della Regione Abruzzo, in regime «de minimis» (applicato agli investimenti produttivi), con meccanismi di premialità correlati all’occupazione dei lavoratori provenienti dal bacino occupazionale specifico della regione e agli ambiti prioritari selezionati.

Tutti gli interventi agevolativi devono essere prioritariamente orientati a promuovere la ricollocazione del personale afferente al bacino occupazionale di riferimento tramite:

  1. obbligo, nei confronti delle imprese beneficiarie delle agevolazioni agli investimenti, di selezionare prioritariamente il personale del bacino;
  2. meccanismi di premialità per i beneficiari delle agevolazioni agli investimenti che occupano lavoratori provenienti dal bacino sopra indicato.

 

Interventi regionali di Politica Attiva del Lavoro

Inoltre la Regione Abruzzo, a seguito della DGR n°161 del 6 aprile 2017, con cui ha deliberato in merito alla individuazione del bacino dei lavoratori da ricollocare e/o beneficiari delle azioni di politiche attive del Lavoro previste dal PRRI nell’area di crisi Complessa “Val Vibrata – Valle del Tronto Piceno”, ha stanziato la somma di 7 milioni e 750 mila euro sul proprio PR FSE 2014 2020 per specifiche azioni volte a finanziare corsi di riqualificazione del personale disoccupato, così da rendere molto più appetibile l’investimento nelle aree interessate dalla fase di crisi.

Area-di-Crisi-Piceno-PAL-Abruzzo.JPG

SOSTEGNO AL CAPITALE UMANO DELL’AREA DI CRISI COMPLESSA VAL VIBRATA: Percorsi di riqualificazione e aggiornamento delle competenze; interventi di ricollocazione.

  • Destinatari: Disoccupati, compresi i percettori di ammortizzatori sociali, residenti nell’Area di Crisi industriale complessa.
  • Modalità di accesso: Avviso pubblico, basato su accordo specifico tra Regione Abruzzo e ANPAL.
  • Agevolazioni: Le agevolazioni finanziarie sono: Voucher per la formazione e la riqualificazione ed Assegni di ricollocamento.

 

I 13 Comuni della Regione Abruzzo (provincia di Teramo) dell’area di crisi industriale complessa Val Vibrata:

Ancarano, Civitella del Tronto, Sant’Egidio alla Vibrata, Valle Castellana, Alba Adriatica, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Nereto, Sant’Omero, Torano Nuovo, Tortoreto, Martinsicuro.

In neretto i Comuni in area 107.3.c.

 

Nell’articolo precedente abbiamo invece trattato di Area di crisi complessa Val Vibrata-Valle del Tronto Piceno (1): incentivi Invitalia per investimenti superiori a 1,5 mln€.

Nei prossimi articoli tratteremo degli incentivi previsti dalla Regione Marche per l’area di crisi complessa della Valle del Tronto-Piceno.

 

Invitiamo le imprese interessate  a contattarci per preparare in tempo la loro proposta progettuale a valere su tali fondi: FIDEAS SRL, Borgo Cappuccini n. 3, 63073 Offida (AP), Tel./Fax 0736/880843, Email: fideas@topnet.it, Website: www.fideas.it. 

 

Fideas Srl © 2017. Tutti i diritti riservati. Partita IVA 01151630447 • Privacy Policy