Bando regione Abruzzo area di crisi Val Vibrata: scadenza 22 novembre 2017.

E’ stato pubblicato il bando il bando della Regione Abruzzo per “interventi di sostegno ad aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive”, con una dotazione finanziaria di 5 milioni di euro.

Soggetti ammissibili

  • le micro, piccole e medie imprese (mPMI), che, a pena di inammissibilità, alla data del 6 ottobre 2017 devono essere iscritte nel registro delle imprese presso la CCIAA territorialmente competente, con codice ATECO 2007 prevalente / primario limitatamente ai settori riportati in calce (*).
  • le società consortili composte da mPMI e con le caratteristiche di mPMI, che, a pena di inammissibilità, alla data del 6 ottobre 2017 devono essere iscritte nel registro delle imprese presso la  CCIAA territorialmente competente, con codice ATECO 2007 prevalente/primario limitatamente ai settori riportati in calce (*)

Localizzazione 
Possono essere ammessi a finanziamento progetti di investimento implementati nell’area di crisi complessa riconosciuta con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) del 10 febbraio 2016, in attuazione del Decreto Ministeriale 31 gennaio 2013 e delle Delibere di Giunta Regionale nn. 19/2016 e 53/2016. Tale area, per la Regione Abruzzo, coincide con il territorio dei seguenti Comuni della Provincia di Teramo: Ancarano, Civitella del Tronto, Sant’Egidio alla Vibrata, Valle Castellana, Alba Adriatica, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Nereto, Sant’Omero, Torano Nuovo, Tortoreto, Martinsicuro.

Progetti ammissibili

La misura, a valere sul POR FESR Regione Abruzzo 2014-20 intende favorire e sostenere, attraverso aiuti de minimis (di cui al Regolamento UE n. 1407/2013) la ripresa economico-finanziaria ed occupazionale delle aree di crisi complesse Area di crisi complessa Vibrata riconosciuta dal MISE, attraverso:

  • la realizzazione di nuovi prodotti,
  • il rafforzamento dei processi produttivi,
  • la riorganizzazione dei processi gestionali, organizzativi e di marketing e
  • il rafforzamento della capacità produttiva delle imprese esistenti e di nuova costituzione.

Il progetto d’investimento proposto dovrà prevedere, a pena d’esclusione, una spesa minima ammissibile pari a € 50.000,00. Tale livello minimo di spesa dovrà essere comunque rispettato anche nel caso di eventuale riduzione dell’investimento in sede di rendicontazione.
Il contributo concedibile è calcolato in riferimento all’ammontare delle spese ritenute ammissibili, considerate al netto dell’IVA e di ogni altro onere accessorio e finanziario, se detraibili, e non può essere superiore a € 200.000,00, nel rispetto della regolamentazione europea prevista per il regime de minimis. Sono ritenute ammissibili esclusivamente le spese sostenute successivamente alla data di pubblicazione del presente Avviso pubblico sul B.U.R.A.T. e fino al termine ultimo dei 12 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione della graduatoria sul B.U.R.A.T.

Spese ammissibili

  1. PROGETTAZIONI INGEGNERISTICHE, massimo 5%
  2. MACCHINARI, IMPIANTI ED ATTREZZATURE VARIE nuovi di fabbrica,
  3. OPERE MURARIE ED IMPIANTISTICHE, massimo 20%
  4. INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO/ADEGUAMENTO SISMICO, sono ammessi a finanziamento solo gli interventi sulle opere murarie che innalzano, rispetto al rilevato, l’indice di vulnerabilità sismica dell’edificio aumentandolo di una percentuale minima del 15%,
  5. PROGRAMMI INFORMATICI commisurati alle esigenze produttive e gestionali del proponente, BREVETTI, LICENZE, KNOW-HOW E CONOSCENZE TECNICHE NON BREVETTATE.
  6. SERVIZI DI CONSULENZA, massimo 10%
  7. PERIZIA GIURATA, massimo 3%
  8. FIDEIUSSIONE BANCARIA o POLIZZA ASSICURATIVA in favore della Regione, irrevocabile, incondizionata ed esigibile a prima richiesta.

Percentuali di contributo

Rispetto alla spesa totale per l’investimento, possono essere richieste le seguenti percentuali di contributo: dal 30 al 50%. Infatti la % di contributo richiesta è inversamente proporzionale al punteggio che viene attributo al punteggio in uno dei criteri di valutazione. Il punteggio è determinato applicando i seguenti scaglioni:
– Contributo richiesto 50% → P = 1
– Contributo richiesto 45% → P = 2
– Contributo richiesto 40% → P = 3
– Contributo richiesto 35% → P = 4
– Contributo richiesto fino al 30% → P = 5

Termini di presentazione delle domande

Le domande di finanziamento, da inoltrarsi tramite Piattaforma informatica, potranno essere trasmesse dal 09 ottobre 2017-ore 10,00 fino al 22 novembre 2017- ore 12,00.

(*) Codici ATECO 2007 Ammissibili

C ATTIVITA’ MANIFATTURIERE. Sono escluse le seguenti attività:
– Fabbricazione di fibre sintetiche e artificiali (20.6)
– Siderurgia (24.1)
E FORNITURA DI ACQUA, RETI FOGNARIE, ATTIVITA’ DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI E
RISANAMENTO. Sono ammesse le seguenti attività:
– Trattamento e smaltimento dei rifiuti (38.2)
– Recupero dei materiali (38.3)
– Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti (39)
F COSTRUZIONI. Sono ammesse le seguenti attività:
– Costruzioni di edifici (41)
– Ingegneria civile (42)
– Lavori di costruzione specializzati (43)
G COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI
Sono ammesse tutte le attività
I ATTIVITA’ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE. Sono ammesse le seguenti attività:
– Alberghi e strutture simili (55.1)
– Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni (55.2)
– Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte (55.3)
– Altri alloggi (55.9)
– Ristoranti e attività di ristorazione mobile (56.1)
– Fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione (56.2)
J SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE. Sono ammesse le seguenti attività:
– Edizione di software (58.2)
– Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse (62.0)
– Elaborazione dei dati, hosting e attività connesse (63.11)
– Portali web (63.12)
M ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE
Sono ammesse le seguenti attività:
– Attività di Design di moda e design industriale (74.10.10)

Ricordiamo inoltre che il BANDO INVITALIA, valido per la stessa area e per investimenti oltre 1,5 milioni di euro e risorse per 15 milioni di Euro, apre lo sportello il 25 OTTOBRE e chiude il 24 NOVEMBRE 2017.

Info e consulenza

FIDEAS SRL

Borgo Cappuccini n. 3, 63073 Offida (AP) 

Tel. 0736/880843, Email: fideas@fideas.it

website www.fideas.itFacebook/Linkedin: Fideas Srl

Fideas Srl © 2017. Tutti i diritti riservati. Partita IVA 01151630447 • Privacy Policy